Carpenter at Local Friend Hostel

img_7647

Questo fantastico ostello è gestito egregiamente da Eduardo, un bravissimo chef ,che dopo aver viaggiato in tutto il mondo, ha deciso di rientrare nel suo paese d’origine, il Brasile, ed aprire questo tipo di attività.

La mattina lo aiuto ad allestire il ricco buffet delle colazioni, sia dolci che salate… una particolarità che ha conquistato il mio palato è una specie di mousse dolce di avocado, con un goccio di latte e zucchero di canna, ed io che l’avevo provato solamente salato!

Ci sono circa 30 posti letto suddivisi in un grande dormitorio, una paio di camere quadruple ed un cottage che al mio arrivo era in pessime condizioni…  insieme ad un’altra volontaria italiana, Sara, ci siamo occupate della ristrutturazione. Dopo aver tolto il vecchio intonaco abbiamo pitturato e ripulito tutto per bene… cercando di dare il meglio di noi anche come muratori! 😉

 

 

Eduardo runs this fantastic hostel in Buzios, he is also a great chef with an worldwide experience. Every morning I help him in preparing breakfast buffet, with delicious salty and sweet specialities.

At Local Friend Hostel another italian volunteer and me managed also the renewing of a cottage, removing the old scratched plaster and spreading the new one, then we whitewashed the room. We did our best also in this case!

 

img_7707

 

 

Advertisements

Stefi, l’eremita. A nature lover.

Anche in Brasile siamo reduci da un lungo week end, il 21 aprile si commemora la morte di Joaquim Jose da Silva Xavier, conosciuto come Tiradentes, un dentista che alla fine del 1700 guidò il movimento di liberazione dalla colonizzazione portoghese, e per questo nel 1792 fu impiccato.
Approfittando di questi giorni di festa nazionale, migliaia di cittadini si sono riversati sulle coste. Per sfuggire all’orda umana che ha preso d’assalto la nostra spiaggia di Geribá, mi sono incamminata in solitaria verso praia de Tucuns.
7 km andata e ritorno, scavallando un promontorio ed eccomi arrivata.
Per godere appieno del panorama mi arrampico su una grande roccia.
Dopo aver tentato di farmi qualche autoscatto (i selfies una volta si chiamavano così), stando attenta a non far rotolare in mare la macchina fotografica, mi siedo e chiudo gli occhi per immagazzinare sole e vento. Li riapro e mi appare un bronzo di Riace, ok solo un bronzo, e ne approfitto per immortalarlo, certa di far cosa gradita a chi apprezza anche la natura “umana”.
Stefi ⭐

************

A long weekend is over, April 21st is a public holiday in Brazil. The day is celebrated to commemorate the death of Joaquim Jose da Silva Xavier, also known as Tiradentes (teeth puller). He was a dentist who guided the liberation movement, claiming complete independence from Portuguese rule. For this reason he was hanged to death in 1792.
Thousands of workers came to the coastline during those holiday, and to escape humans who crowded “our” beach, I walk on my own to discover praia de Tucuns.
7 km roundtrip, climbing a bluff and here I  am! To better appreciate the view I rised on a big rock where I tried to make me some selfies, avoiding rolling camera into the sea, then I set and closed my eyes storing sun and wind. Once I reopened them, a bronze statue appears to me, so I took advantage for a cool shoot.
Stefi ⭐

DSC02125_20160424_182615

 

Wind & Soul

DSC02027_20160421_093408

Al tramonto la spiaggia è quasi deserta, un cane rincorre un sacchetto di plastica svolazzante, i gabbiani planano sulla riva del mare… Passeggio in solitaria, nel silenzio interrotto soltanto dal sibilo dei granelli di sabbia che rotolano velocemente sulla battigia.
Adoro il vento, amplifica la sensazione di libertà, spazza via i pensieri dalla mente, riempie i polmoni di pura energia.
“Om Tare Tuttare Ture Soha”
Stefi ⭐

*****************

The beach at sunset is almost deserted, a dog runs after a flying plastic bag, seagulls glide on the seashore… I walk on my own in the silence, only broken by the whistle of the grains of sand, rolling fast on the shore.
I love wind, it amplifies the feeling of freedom, sweeps away mind’s thoughts, fill the lungs with pure energy.
“Om Tare Tuttare Ture Soha”
Stefi ⭐DSC02034_20160421_155039

Welcome to Buzios

Pronta per la seconda esperienza di workaway in un ostello a due passi da una delle spiagge più belle di Buzios, Praia Geribá. Le premesse sono ottime. Il paese è veramente grazioso, si sviluppa sui due lati dell’istmo di una penisola che offre un’ampia scelta di spiagge e calette, che a seconda dell’orientamento, sono adatte al windsurf, al surf o se riparate allo snorkeling. Così son tutti contenti!
Le vie lastricate di pietra si intrecciano su e giù per le lievi alture, villettine di diverse fogge, ma sempre molto curate, sorgono tra la ricca vegetazione.
Sul lungomare e nelle strade pedonali del centro un susseguirsi di ristorantini, locali e negozi. Mi sa che non mi annoierò!

Stefi ⭐

DSC01963_20160418_120058
Ready for the second workaway experience in an hostel, very close to one of the most beautiful beach of Buzios, Praia Geribá. Prerequisites are excellent. The town is very cute, it develops on the two sides of the isthmus of a peninsula that offers a choice of beaches and coves , which depending on the orientation are good for surf, windsurf and snorkeling. So everybody will be happy!
The cobbled stone streets twist up and down the slighty hills, small villas of different shapes, but always well-kept , are located between the lush vegetation.
Along the waterfront and in the pedestrian streets of the center a succession of restaurants, clubs and shops. I guess I will not get bored!

Stefi ⭐DSC01941_20160417_181555*******

Cabo Frio

Esausta dalla vita frenetica di queste ultime due settimane (eh eh) ho preso un paio di giorni di “ferie” per visitare Cabo Frio, la settima città più antica del Brasile, fondata dai portoghesi nel 1615, che si trova a circa 180 km a nord di Rio de Janeiro.
Dopo una lunga camminata tra le dune sulla spiaggia, mi sono persa nelle vie del centro storico ricche di bar, ristoranti e negozi. Non è alta stagione, ma ci sono tanti turisti sudamericani…ma nessun turista europeo, peccato, perché il posto è proprio carino e merita una tappa.
Stefi ⭐ DSC01912_20160415_191510.jpg

Exhausted by the busy life of those last two week I took a brake to visit Cabo Frio, the 7th ancient Brazilian town, founded by Portuguese in 1615, just 180 km far from Rio de Janeiro.
After a long walk through the dunes along the beach, I get lost in the old town streets, full of restaurants, pubs and shops. It isn’t high season but there are some south american tourist. What a pity we didn’t met any European tourist so far, because this place really worth a stopover.

Stefi ⭐️

DSC01909_20160415_191509

La milanese imbruttita a Rio/Impatience girl in Rio

L’itinerario di viaggio in linea di massima non contempla le città.
Ma mi è toccata una tappa forzata per cambio bus al Terminal Rodoviario di Rio de Janeiro.
Dopo 5 ore di viaggio mi ritrovo imbottigliata per ben 3 ore nel traffico cittadino. Immaginatevi contemporaneamente la settimana della Moda, il Salone del Mobile ed i lavori stradali dell’Expo. Perché se non ve lo ricordate, qui stanno per arrivare i giochi olimpici. Se solo avevo una mezza idea di fermarmi, mi è passata immediatamente. Mi basta ammirare la statua del Cristo Redentore dal finestrino del bus, e sostituisco le foto di Copacabana con soggetti stradali altrettanto interessanti.
A breve la nuova destinazione!

DSC01884_20160415_191515

 

My itinerary doesn’t include big towns.
Unfortunately I had to make a pit stop in the main bus terminal of Rio de Janeiro.
After a 5 hours trip, I have been sucked in the city traffic jam. Try to imagine the Milan fashion week, the Design International exhibition and the Expo road      maintenance works. I remind you that the beginning of the Olympic games is very close.
If I had a far idea of staying in Rio, I fasten change my mind.
I settled for watching the Christ Redeemer statue from the bus window,and substitute the Copacabana pictures with some interesting street characters.
Stay tuned for next destination!

 

Praia Grande

A late afternoon I decided for an happy hour on Praia Grande, the most approachable beach of the 90 km long Ubatuba’s coastline. In between two cape, this beach unlike others it isn’t surrounded by vegetation, but stretches in front of few hotels – like a very tourist’s Riviera, baywatchers included – that’s why it is so popular. In addition to wideness another particularity is the car transit facilities because of the compact sand.

Since the sun sets very early and opposite to the sea, the street food vans were already leaving.
Luckily I found a kiosk still open, where appreciate a pastel (a kind of fried empanada filled with meet, chicken or cheese..) and the unmissable fresh beer.
We conclude there’s no happy hour cult.
So, let’s invest in the most famous escape dream ‘the chiringuito in the beach’!

DSC01415_20160407_205513

DSC01432_20160407_205521

Un tardo pomeriggio ho pensato di andare a prendere un aperitivo a Praia Grande, la spiaggia più accessibile della costa Ubatubense, che si estende per circa 90 km. Delimitata da due promontori, a differenza delle altre spiagge non è avvolta da una fitta vegetazione, ma si sviluppa proprio di fronte ad una serie di hotel che sorgono sul mare – un po’ stile riviera romagnola, bagnini inclusi – e per questo motivo molto frequentata. Oltre alla vastità, la particolarità di questa spiaggia è la compattezza della sabbia che permette il transito alle auto e ai furgoncini dei venditori ambulanti. Forse per via del sole che tramonta presto e dal lato opposto del mare, i tanti chioschetti che la popolano durante il giorno stavano già sbaraccando. Per fortuna ne ho trovato uno ancora aperto in cui degustare un ottimo pastel (una specie di fagottino di pasta sfoglia fritto e farcito a scelta con carne, pollo, mozzarella..) e l’immancabile birretta fresca.
Ne deduco che qui non esiste il culto dell’happy hour, quindi affrettatevi ad investire! É il posto ideale per aprire il famoso ‘chiringuito sulla spiaggia’ sogno di metà degli italiani!!
Stefi ⭐

DSC01418_20160407_205514

 

I am a Voyager

Non cerco l’avventura, ma viaggio in modo tale che sia l’avventura a trovare me.

Evitando le abitudini e affrontando l’ignoto.

DSC01317_20160405_082120

I don’t look for adventure, but I travel in such a way  the adventure will find me.

Avoiding habits and facing the unknown.

Mareggiata seria o no? / Serious swell or not?

DSC01596

Le immagini parlano  più di mille parole. Il week end non ha portato la misura che tutti aspettavano e come potete vedere il classico dei beach break sono dei gran close out, nonostante tutto qualcuno si è divertito lo stesso. Anzi all´estrema destra di Praia Vermelha do Centro  hanno organizzato anche una gara. Bravissimo il ragazzo con lo skimboard, salti da paura!

Stefi ⭐

SURF2

SURF1

Imagines can talk better than thousand words. The week-end didn’t ´ bring the size that surfers were waiting for and as you can see beach breaks´ classic are huge close out, but despite everything someone really enjoy it! Infact on the right end corner of the beach took place a competition. Congratulation to the very skilled boy on the skimboard, mega tricks!

Stefi ⭐SKIM

surf3

Workaway in Brazil

La prima esperienza workaway brasilera sarà di 2 settimane è presso il Tie Hostel nella cittadina di Ubatuba, a circa 5 ore di bus da Sao Paulo.

Una villettina a pochi passi dal mare che dispone di 16 posti letto totali tra camere e tende.
La gestione è completamente affidata ai volontari perché Lucas, il proprietario, vive a San Paolo dove gestisce un altro ostello.

Siamo organizzati su 3 turni: mattino, pomeriggio e sera.

Le attività  includono l giardinaggio, le pulizie e il riordino della casa, oltre alla preparazione della colazione tipica Brasiliana detta “café da manhã” che comprende caffè, latte, pane e burro. Mi sembra tutto molto easy…

 

wp_20160412_005-1

The first brazilian workaway experience will last 2 weeks at the Tie Hostel in the town of Ubatuba, about 5 hours east of Sao Paulo.

The hostel is a cute villa located a few steps from the sea and offers 16 beds in total between rooms and tents.
The management is completely entrusted to the volunteers because Lucas, the owner, lives in São Paulo where he runs another hostel.

We are organized in 3 shifts: morning, afternoon and evening.
Activities include gardening, cleaning and tidying the house and preparation of a typical Brazilian breakfast, called “café da manhã” which includes coffee, milk, bread and butter. It all seems very easy …

Stefi ⭐

40308903