Viaggiare Sicuri / Safe Trip

Per scaramanzia ho aspettato la fine di questi due mesi, prima di dire che il Brasile non è un paese così pericoloso come si dice in giro.
Ovviamente eviterei di girovagare di notte nei sobborghi delle grandi città, ma questo vale per tutto il mondo e non essendomi fermata a San Paolo e a Rio de Janeiro, vi racconto la mia personale esperienza in cittadine di medie/piccole dimensioni. Mi é capitato più volte di rientrare in ostello la sera da sola e sinceramente non ero per nulla preoccupata, anche nelle zone non turistiche i supermercati sono aperti fino alle 22,00, il clima per le strade era molto sereno, la gente tranquilla e nessuno mi ha mai importunata.
Dopo aver percorso più di 3000 km in bus, posso affermare che é il modo di viaggiare più sicuro.
I terminal degli Ônibus, chiamati Rodoviaria, sono un mix tra una stazione ferroviaria ed un aeroporto, con cancelli d’imbarco controllati, bar, negozi e ristoranti.
La facilità di prenotazione on line, assicura il posto ed una volta arrivati al terminal basta recarsi all’ufficio della compagnia prescelta per farsi stampare il biglietto.
L’ampia varietà di compagnie, orari e percorsi assicura il servizio in tutto il paese. Le lunghe tratte sono servite da autobus notturni super attrezzati, le poltrone sono reclinabili e dotate di poggia gambe ribaltabile, tv, presa elettrica/Usb/cuffie, in alcuni c’è la connessione wifi e forniscono una copertina per la notte, ho notato solo a fine viaggio che c’era anche un distributore d’acqua potabile 😃  e su tutti, ma proprio tutti i bus c’è il wc, come quello degli aerei.

Per quanto riguarda le zanzare, avendo vissuto in Padania, le brasiliane non mi son sembrate più aggressive delle nostre. Prima di partire comunque ho preso per due settimane dei granuli omeopatici di Ledum Palustre, che vi consiglio! E se non dovesse bastare, solo verso il tramonto ci si copre un po’di più o ci si spruzza un repellente. 🐝

Verdure crude ed acqua. La prima settimana, anzi no, i primi due giorni ho evitato insalatone.. Ma con sto caldo non mi andava proprio di mangiare cibi cotti e mi son lacciata tentare. Nessun effetto collaterale, nemmeno quando ho iniziato a bere acqua del rubinetto e frullati di frutta col ghiaccio. Sarò bionica?!

Una nota sui vaccini: In tutte le Asl danno  le info sulle vaccinazioni obbligatorie paese per paese, dovendo fare il giro del mondo ho fatto le principali:
Tetano, Epatite A, Tifo, Difterite e Febbre Gialla (più che altro perché la potrebbero chiedere in alcune frontiere quando vedono sul passaporto timbri di paesi tropicali, a me l’ha appena chiesta la compagnia aerea al check in all’aeroporto di San Paolo, per volare dal Brazile a New York)

Quindi, visitate serenamente questo splendido e vasto paese.

Stefi ⭐

******************

Before saying Brazil isn’t a dangerous country how it may appear, I waited till the end of my trip. Obviously you have to avoid big city suburb’s as wherever in the world and since I skipped Sao Paulo and Rio de Janeiro I can give you my opinion only on medium/small towns.
I have been walking on my own also during the evening and nothing scared me, supermarket are open till late and atmosphere in the streets was really quite.
After more than 3000 km by bus I can say that’s the safest way to travel.
It’s very easy to book on line (check the info on our ‘useful links’ page) and once at the terminal you can print your ticket at the bus company desk.
Bus Terminals are called Rodoviaria, a kind of mix between a rail station and an airport, there are gate controls, restaurants and cafés. Night buses are really well equipped, comfortable seats with legs layers, blankets, headphones and USB plugs, wc, water dispenser and sometimes Wi-Fi connection.

Regarding mosquitos, well, are not more aggressive then Italians ones. Before leaving I took an homeopathic remedy Ledum Palustre, that avoid bites, and in case of necessity I use some spray but only during sunset hours.

On the first couple of days I avoided fresh vegetables and ice, but I soon get bored and I eat fresh salads, used ice in fruit juices and drunk water from the sink, eventually nothing happened, am I the bionic woman?!

No vaccinations are obligatory but I did the main ones, also because you may need them to pass some borders, if on your passport there are tropical country stamps.

So, feel free to visit this huge and amazing country!

Stefi ⭐

WP_20160520_025

 

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

w

Connecting to %s